Bitcoin supera i $ 49K mentre le app di Zuckerberg collassano

Il blocco è andato avanti per diverse ore questo Lunedì. Anche WhatsApp e Instagram - che sono di proprietà della società guidata da Zuckerberg- erano giù.

Ieri è stata davvero una giornata frenetica per il mondo di internet. Facebook si è scusato svariate volte dopo aver smesso di funzionare per gli utenti di tutto il mondo. Il blocco è andato avanti per diverse ore questo Lunedì. Anche WhatsApp e Instagram – che sono di proprietà della società guidata da Zuckerberg– erano giù. Gli esperti hanno fatto sapere che “le modifiche alla configurazione sui router backbone che coordinano il traffico di rete tra i nostri data center hanno causato problemi che hanno interrotto la comunicazione”. Questo ha avuto un “effetto domino … fermando i nostri servizi”. Quando vuoi visitare Facebook (o Instagram o WhatsApp), il tuo computer deve connettersi con la loro rete, utilizzando il Border Gateway Protocol (BGP) – una sorta di servizio postale per Internet. Al fine di indirizzare le persone ai siti Web che desiderano visitare, BGP esamina tutti i percorsi disponibili che i dati potrebbero percorrere e sceglie il percorso migliore. Lunedì Facebook ha improvvisamente smesso di fornire le informazioni necessarie al sistema per funzionare.

 @sitthiphong tramite Twenty20

Durante l’interruzione, molti utenti di Crypto Twitter hanno intravisto la necessità di un social network decentralizzato basato su blockchain. Il prezzo di Bitcoin (BTC) è salito sopra i $ 49.000 dopo essere sceso a un minimo giornaliero di $ 47.166, con un aumento di circa il 4,5% in meno di due ore. Allo stesso modo, il prezzo di Ether (ETH) è aumentato del 3,5% nello stesso periodo per raggiungere $ 3.411 al momento della pubblicazione. L’improvvisa volatilità dei prezzi si è scatenata quando la principale piattaforma di social media Facebook, l’app di condivisione di foto e video Instagram e l’app di messaggistica WhatsApp – entrambe di proprietà di Facebook – sono crashate alle 15:16 UTC circa del 4 ottobre. Secondo il team di comunicazione di Facebook, che ha comunicato attraverso Twitter, la società stava “lavorando per riportare le cose alla normalità il più rapidamente possibile”. All’incirca alla stessa ora, il 13 marzo 2019, tutte e tre le piattaforme hanno riportato un’interruzione importante che è durata più di 24 ore. All’epoca, Facebook attribuiva i problemi a una “modifica della configurazione del server”.

Stay in the Loop

Get the daily email from CryptoNews that makes reading the news actually enjoyable. Join our mailing list to stay in the loop to stay informed, for free.

Latest stories

- Advertisement - spot_img

You might also like...